La Società

Pagina 1 di 3123

Borgiano

Dal 1985 la nostra società opera a livello di Vendite Dirette (originariamente, per i primi otto anni, con la denominazione Grandi Opere) nell’ambito dell’Editoria di qualità, portando avanti un percorso di conoscenza, di documentazione e di proposta, che ha permesso, già a quel tempo, il raggiungimento di significativi successi di mercato con il lancio della Storia della Medicina, la riedizione dellEncyclopédie di Diderot e D’Alembert in lingua italiana, la realizzazione in fac-simile del Mappamondo Borgiano e l’edizione storica de I Portolani, in occasione del Cinquecentenario della scoperta dell’America.

Nel 1993, scegliendo la strada dell’autonomia rispetto all’appartenenza a Gruppi più grandi, si è costituita la Progetto Editoriale con l’intento di proseguire sulla strada intrapresa, sviluppando via via una sempre maggiore specializzazione nel campo della ricerca documentale, storica e geografica.

Molte infatti sono state le edizioni e le opere che hanno visto luce, grazie anche alla preziosa collaborazione della Società Geografica Italiana.

Fra le più importanti la riproduzione dei Globi di Vincenzo Coronelli del 1596, la leggendaria Mappa di Piri Re’is, le straordinarie Carte dei Quattro Continenti di Pietro Todeschi del 1673, fino alla riedizione integrale del Viaggio da Venezia a Costantinopoli di Giuseppe Rosaccio, vero e proprio gioiello dell’editoria italiana del ‘500.
A queste si sono accompagnate impegnative imprese editoriali come la ristampa completa, nella sua versione originale, de Le Cento Città d’Italia, il grande volume antologico Leonardo. L’Uomo, l’Artista, il Genio, la riproduzione de I Giornali del Risorgimento e la realizzazione di Civiltà d’Italia nella ricorrenza del 150° Anniversario dell’Unità Nazionale.
Imprese che di volta in volta hanno riscosso largo consenso di critica, prestigiosi riconoscimenti istituzionali, alti patronati e patrocini ufficiali.

Progetto Editoriale si è dedicata inoltre con notevole impegno alla selezione di proposte di arte antica e contemporanea e dal 2003, con il marchio DOGI 1964, ha aperto un nuovo fronte, quello degli Orologi da Collezione con caratteristiche di alta gamma, presentando diversi modelli di successo per originalità, stile e unicità di mercato. Una realtà questa unica nel suo genere in Europa ed espressione di una grande tradizione italiana che ribadisce la scelta, tenacemente perseguita in questi anni, verso una costante attenzione all’artigianalità delle produzioni e più in generale verso il recupero di antichi mestieri e professionalità tecniche di eccellenza.

Tutto questo è stato possibile soprattutto grazie al sostegno forte, partecipato e convinto dei tanti e numerosi clienti (privati, professionisti, imprenditori, ecc.), acquisiti nel corso degli anni in cui si è passati da poche centinaia, sparsi qui e là in tutta Italia, agli oltre 4.000 attuali con cui si è instaurato un importante rapporto di fidelizzazione, caratterizzato da una continua e consolidata periodicità di contatti e di relazione.

100-Città

Pagina 1 di 3123